AVVISO 06/ 2024 – AVVISO TEMATICO SCUOLA INFANZIA 2024 – PRESENTAZIONE DEI PIANI FORMATIVI AZIENDALI E SETTORIALI / TERRITORIALI ATTRAVERSO IL FINANZIAMENTO A SPORTELLO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI FORMAZIONE RIVOLTI AGLI OPERATORI SCOLASTICI

Ente finanziatore: FONDER
Area Geografica: ITALIA
Avvio: 05/02/2024
Scadenza: FondER a partire dal 05 febbraio e fino al 31/12/2024 ed in ogni caso fino ad esaurimento delle risorse stanziate. Le richieste di finanziamento inoltrate a FondER e per le quali le risorse disponibili sono esaurite, a meno di integrazioni finanziarie da parte del CDA, non sono finanziate.
Spese finanziate: Interventi di formazione a favore degli enti attraverso il finanziamento a sportello
Beneficiari: Aderenti a FondER
Settore: Istruzione, Socio-Assistenziale-Educativo, Altro
Sovvenzione: L’importo del Piano Formativo dipende dal numero di dipendenti dell’Ente Giuridico
Dotazione finanziaria: 400.00 €
Max importo per progetto: Dipende dal numero di ore di durata del progetto e dall’importo di cui può beneficiare l’ente.  Tale importo è il massimo di cui l’azienda può beneficiare nel quadro del presente Avviso e degli altri Avvisi ordinari e tematici emanati dal Fondo nell’annualità 2024 e relativi ai piani formativi aziendali e settoriali/territoriali, a prescindere dal numero e tipologia di Piani in cui è presente.


Descrizione del bando: 

Con il presente Avviso tematico FondER intende contribuire a rafforzare i percorsi formativi indirizzati agli operatori della scuola dell’infanzia riconoscendo ad essi il ruolo di accompagnatori nel “primo gradino” del percorso di istruzione all’interno del Sistema integrato di educazione e di istruzione dai tre ai sei anni.

Il FondER promuove interventi di Formazione continua finalizzati a sostenere la competitività delle scuole dell’infanzia ad esso aderenti e l’occupabilità dei lavoratori di queste ultime attraverso azioni di formazione, aggiornamento e riqualificazione professionale finalizzati ad acquisire le competenze necessarie a fronteggiare in modo esaustivo l’inevitabile potenziamento e arricchimento degli spazi didattici per favorire il progressivo articolarsi delle esperienze delle bambine e dei bambini, lo sviluppo delle loro abilità, nelle diverse attività e occasioni ludiche e delle proprie potenzialità di relazione, autonomia, creatività e apprendimento, anche al fine di superare disuguaglianze, barriere territoriali, economiche, sociali e culturali.

Soggetti beneficiari: Sono Enti beneficiari degli interventi gli enti ecclesiastici, le associazioni, le fondazioni, le cooperative e aziende di ispirazione religiosa, le imprese con o senza scopo di lucro aderenti a Fond.E.R. , con personale dipendente per il quale si versa lo 0,30% ex art. 25 della legge n. 845/1978 destinato ai Fondi interprofessionali per la formazione continua (L.388/2000 e s.m.i.), salvo quanto stabilito dal Ministero del Lavoro con riferimento ai lavoratori religiosi.

Si ricorda che lo stato di adesione di una matricola INPS è comunque riscontrabile dal datore di lavoro nella sezione “Fondi Interprofessionali” del Cassetto Previdenziale INPS. Nel caso in cui riporti il Codice FREL tale matricola è a tutti gli effetti aderente a Fond.E.R. . Infine si precisa che la data di adesione coincide con la data di invio del flusso UNIEMENS con il quale è stata avviata la procedura di adesione al Fond.E.R. .

Tipologia di azioni finanziabili: 

Gli interventi formativi promossi devono avere come obiettivo l’incremento delle competenze dei lavoratori delle scuole dell’infanzia aderenti su alcune tematiche specifiche ma non vincolanti per la presentazione dei Piani formativi ritenute di particolare valenza formativa finalizzati a promuovere l’integrazione, all’interno dei curricula di attività, metodologie e contenuti volti a: 

1) sviluppare le competenze STEM, digitali e di innovazione, e di potenziare le competenze multilinguistiche e matematiche con l’obiettivo di cogliere la traiettoria evolutiva delle competenze lessicali e scientifiche di studenti e insegnanti:

Laboratorialità e learning by doing

Problem solving e metodo induttivo

Attivazione dell’intelligenza sintetica e creativa

Organizzazione di gruppi di lavoro per l’apprendimento cooperativo – Adozione di metodologie didattiche innovative mediante una didattica attiva; 

Il pensiero logico – argomentativo: l’aiuto delle discipline STEM

I bambini ricercatori del sapere: il linguaggio degli esperimenti per riflettere sulla realtà

Le nove metodologie didattiche legate alle STEM (le didattiche cross-disciplinari)

2) Sviluppare le competenze utili al trasferimento del fondamentale principio di inclusività mediante il giusto approccio all’educazione civica nella scuola della infanzia:

Riconoscere i lineamenti dell’educazione emotiva

Riconoscere le fasi dello sviluppo morale con particolare riferimento alla prospettiva piagetiana

Riconoscere i caratteri della cittadinanza

Riconoscere i lineamenti normativi

Riconoscere la dimensione morale della fiaba e la sua caratteristica sociale

Riconoscere la narrazione come esperienza tipizzante l’umano

Riconoscere i caratteri dell’educazione morale in infanzia: tra regole e comportamenti

Incentivare l’argomentazione e la giustificazione logica delle proprie posizioni di pensiero

Educare ad uno stile di pensiero aperto, disponibile all’incontro con l’altro attraverso il dialogo

3) Conoscere e comprendere i mezzi che la multimedialità e l’universo digitale mettono a disposizione dell’educazione:

Saper progettare con la Media Education

Promozione del pensiero critico nella società digitale

4) Rafforzare le competenze in materia di transizione ecologica ed energetica:

Rafforzare il rapporto con l’ambiente, con le risorse e con le diversità naturali e socioculturali del territorio

Promuovere i comportamenti ecologici ed ecosostenibili

Riscoprire il “senso del limite” affrontare i limiti e i vincoli vedendoli come risorse” intorno alle quali far emergere e crescere proposte di cambiamento creative e innovative, in una visione di responsabilità collettiva.

Tipologia di Piani Formativi

Piani formativi aziendali e settoriali/territoriali a sportello e finanziati in ordine cronologico di presentazione, previo espletamento della procedura valutativa.

Durata del piano formativo: 12 mesi a partire dalla data di avvio del primo progetto del piano.


Maggiori informazioni