Avviso pubblico per la presentazione di proposte di intervento per la selezione di progetti socio-educativi strutturati per combattere la povertà educativa nel Mezzogiorno a sostegno del Terzo settore – 2023

Ente finanziatore: Agenzia per la Coesione Territoriale
Area Geografica: Abruzzo, Basilicata, Campania, Calabria, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.
Scadenza: La piattaforma sarà, quindi, accessibile dalle ore 12:00 del 24 gennaio 2024 sino alle ore 12:00 del trentesimo giorno successivo all’apertura
Spese finanziate:
Settore (profit / no profit / PMI / Cooperative / Associazioni / Scuole / Istituzioni Formative): Enti del Terzo settore iscritti al RUNTS e costituiti da almeno due anni. Nel partenariato ci deve essere almeno un altro ente del Terzo settore
Dotazione finanziaria (importo del bando): 50.0000.000 euro a valere sulle risorse del PNRR relative alla missione 5- componente tre- investimento 3 “Interventi socio educativi strutturati per combattere la povertà educativa nel 12:00 a sostegno del terzo settore”
Max importo per progetto: tra 125.000€ e 250.000€ con COFINANZIAMENTO del 5%


Descrizione del bando

L’Avviso è finalizzato all’avvio di una procedura a sportello per la concessione di contributi destinati alla realizzazione di interventi socio-educativi strutturati per combattere la povertà educativa nelle Regioni del Mezzogiorno, attraverso il potenziamento dei servizi socioeducativi a favore dei minori.

La misura intende attivare specifici progetti condotti da Enti del Terzo Settore finalizzati a coinvolgere minori nelle fasce 0-6 anni, 5-10 anni e 11-17 anni.

Soggetti beneficiari

I progetti devono essere presentati da partenariati costituiti, a pena di esclusione, da un minimo di tre soggetti che assumeranno un ruolo attivo nella ideazione realizzazione delle operazioni. Ogni partenariato è costituito da un soggetto che coordina i rapporti del partenariato anche per le finalità collegate all’attuazione, al monitoraggio, alla rendicontazione, al controllo del progetto, e da un minimo di altri due soggetti che partecipano in qualità di partner alla presentazione alla realizzazione del progetto assieme al soggetto proponente.

Sono ammessi a presentare proposte progettuali in qualità di soggetto proponente esclusivamente Enti del Terzo Settore (ETS), iscritti al registro unico nazionale terzo settore operanti nello specifico settore di riferimento oggetto dell’avviso e costituiti da almeno due anni in forma di atto pubblico o di scrittura privata autenticata o registrata alla data di pubblicazione dell’avviso.

Oltre agli enti appartenenti al terzo settore, il partenariato, composto da almeno tre soggetti, può comprendere anche istituzioni e soggetti pubblici e privati appartenenti al mondo della scuola, dei sistemi regionali di istruzione e formazione professionale.

Nei progetti rivolti alla fascia d’età 11-17 anni oltre ai due enti del terzo settore deve essere obbligatoriamente presente almeno un soggetto appartenente al sistema regionale dell’istruzione e della formazione tecnico professionale in possesso dei requisiti per l’accreditamento e/o gli istituti tecnici superiori e/o istituto superiore statale. La presenza nel partenariato di enti pubblici responsabili dei servizi connessi alle progettualità (servizi sociali, ambito territoriale e sociale, istituzioni scolastiche pubbliche e/o centro di giustizia minorile) costituisce titolo preferenziale.

Tipologia di azioni finanziabili

L’avviso è finalizzato all’avvio di una procedura a sportello per la concessione dei contributi destinati alla realizzazione di interventi socio-educativi strutturati per combattere la povertà educativa nelle regioni del Mezzogiorno attraverso il potenziamento di servizi socio-educativi a favore di minori con specifico riferimento ai sevizi assistenziali nella fascia 0-6, a quelli di contrasto alla dispersione scolastica e miglioramento dell’offerta formativa nella fascia 5-10 e 11-17.

  • Interventi rivolti a minori appartenenti alla fascia d’età 0-6 anni, e alle relative famiglie, con l’obiettivo di ampliare e potenziare i servizi educativi e di cura, migliorare la qualità, l’accesso, la fruibilità, l’integrazione e l’innovazione dei servizi esistenti e rafforzare l’acquisizione di competenze fondamentali per il benessere dei bambini e delle loro famiglie.
  • Interventi rivolti a minori appartenenti alla fascia di età 5-10 anni, con l’obiettivo di promuovere il benessere e la crescita armonica dei minori stessi, garantendo efficaci opportunità educative e prevenendo precocemente varie forme di disagio sociale e di povertà educativa, dalla dispersione e abbandono scolastico, al bullismo e altri fenomeni di disagio psicologico legati anche all’appartenenza del minore a comunità a rischio di emarginazione sociale.
  • Interventi rivolti a minori appartenenti alla fascia di età 11-17 anni, con l’obiettivo di promuovere il miglioramento dell’offerta formativa attraverso l’attivazione di percorsi formativi individualizzati, complementari a quelli tradizionali, contrastare l’abbandono scolastico ed il fenomeno dei NEET, in particolare per la fascia di età 16-17 anni, nonché realizzare azioni congiunte “dentro e fuori la scuola” che favoriscano il riavvicinamento dei ragazzi che abbiano abbandonato gli studi o che presentino rischi di dispersione scolastica e formativa.

Link per maggiori informazioni e modulistica di partecipazione

 


Maggiori informazioni