Tagliati 12 milioni alle scuole paritarie: «Così chiudiamo»

COMUNICATO STAMPA

Avvenire, 31 maggio 2024

La presidente della Fidae Kaladich denuncia una situazione ormai divenuta insostenibile. Dal 2000 perso il 35% degli alunni e l’11% degli istituti.

«Non è una grande conquista del nostro Stato quella di perdere delle strutture storiche che da secoli sono baluardo significativo per il territorio e non è segno di civiltà privare i cittadini della libertà di poter scegliere l’indirizzo educativo da dare ai propri figli». È molto preoccupante, il bilancio dell’anno scolastico che si sta per chiudere, della presidente della Fidae, Virginia Kaladich. Le notizie che arrivano dai territori, dove sempre più istituti paritari fanno fatica a confermare il servizio alle famiglie, induce la rappresentante della Federazione delle scuole cattoliche primarie e secondarie a prendere posizione rispetto ai nuovi (e inattesi) tagli ai contributi statali che – unitamente al calo degli iscritti per la crisi della natalità che, non da oggi, colpisce l’Italia – mette a rischio la sopravvivenza stessa del “secondo pilastro” del sistema di istruzione pubblico del nostro Paese.


Continua a leggere su Avvenire


Scuola. Paritarie, tagli compensati dagli aumenti. «Garantire un effettivo pluralismo»

Avvenire, 4 giugno 2024

I tagli ci sono, ma al Ministero dell’Istruzione e del Merito hanno lavorato e stanno lavorando per «garantire un effettivo pluralismo educativo», ricorda il capo dipartimento Carmela Palumbo. Che, dopo la denuncia della presidente della Fidae, Virginia Kaladich, rassicura il sistema delle scuole paritarie, sottolineando che, quest’anno, il saldo complessivo dei contributi statali è positivo per 57,5 milioni di euro. Rispetto ai 646.230.089 euro dei contributi complessivi del 2023, uguali a quelli del 2022, per il 2024 il contributo totale ammonta a 703.730.089, con un aumento, appunto di 57,5 milioni di euro.


Continua a leggere su Avvenire


Ne parlano