Il linguaggio cinematografico e audiovisivo come oggetto e strumento di educazione e formazione

Ente finanziatore: Ministero dell’Istruzione e del Merito e Ministero della cultura
Area Geografica: italia
Scadenza: 12/01/2024
Spese finanziate: Si veda “Tipologia di azioni finanziabili”
Settore (profit / no profit / PMI / Cooperative / Associazioni / Scuole / Istituzioni Formative):  Scuole statali e Scuole paritarie.
Dotazione finanziaria (importo del bando):

  • 5.500.000,00 euro per l’Azione A.1 CinemaScuola LAB – secondaria di I e II grado;
  • 5.000.000,00 euro per l’Azione A.1.1 CinemaScuola LAB – infanzia e primaria;
  • 4.000.000,00 euro per l’Azione A.2 Visioni Fuori-Luogo – secondaria di I e II grado.

Max importo per progetto: Si veda “Tipologia di Azioni finanziabili”


Descrizione del bando

Il bando disciplina le modalità di concessione di contributi destinati a istituzioni scolastiche, singole o organizzate in rete, per la realizzazione di progetti di promozione e sensibilizzazione in tema di educazione all’immagine rivolti agli studenti e alle studentesse e finalizzati alla conoscenza, comprensione e utilizzo del linguaggio cinematografico e audiovisivo, o, nella più ampia libertà metodologica ed espressiva, prevedere la realizzazione di opere audiovisive,

Le tematiche del bando saranno: contrasto al bullismo; dispersione scolastica; educazione alla legalità; educazione ambientale; inclusione studenti in situazione di disabilità e alunni stranieri; pari opportunità, sensibilizzazione contro la violenza sulle donne e di genere I contenuti e le finalità degli eventuali prodotti audiovisivi realizzati nell’ambito delle iniziative sostenute non devono avere carattere: che inciti alla violenza o all’odio basato su differenza di razza, sesso, religione o nazionalità, e/o pornografico, e/o di natura commerciale, promozionale o pubblicitaria e devono essere adatte ad un pubblico di età scolastica.

Soggetti beneficiari

Le richieste di contributo possono essere presentate:

– per l’azione A.1 “CinemaScuola LAB – secondaria di I e II grado”, da istituzioni scolastiche ed educative statali e paritarie secondarie di I e di II grado;

– per l’azione A.1.1 “CinemaScuola LAB – infanzia e primaria”, da istituzioni scolastiche ed educative statali e paritarie di infanzia e primarie;

– per l’azione A.2 “Visioni Fuori-Luogo – secondaria di I e II grado”, da istituzioni scolastiche ed educative statali e paritarie secondarie di I e II grado situate esclusivamente in aree a rischio, aree periferiche e nelle zone più disagiate del Paese ed interessate dal fenomeno della dispersione scolastica.

Ciascuna istituzione scolastica capofila può presentare una sola proposta progettuale, individuando una tra le azioni previste dal presente bando, azioni A.1, A.1.1, A.2. Ciascuna istituzione scolastica capofila può presentare una sola proposta progettuale, individuando una tra le azioni previste dal presente bando, azioni A.1, A.1.1, A.2

In caso di rete di scuole, la candidatura deve essere presentata esclusivamente dalla scuola capofila della rete. Le scuole non capofila facenti parte della rete possono partecipare a non più di tre progetti complessivi tra le azioni previste dal presente bando, azioni A.1, A.1.1, A.2

Le scuole statali saranno automaticamente profilate sulla base delle informazioni sulle sedi di servizio del Dirigente Scolastico presenti su “Responsabili Istituzioni scolastiche”.

Le scuole non statali, ai fini della profilazione dovranno procedere con la variazione dei “Dati del coordinatore delle attività didattiche” all’interno dell’applicazione “Anagrafe Scuole non Statali”.

L’accesso all’area riservata del portale è consentito esclusivamente al Legale Rappresentante (firmatario del progetto) in caso di Istituto scolastico paritario.

Tipologia di azioni finanziabili

Le azioni finanziabili sono di tre tipologie di azioni:

  1. “CinemaScuola LAB – secondarie di I e II grado”
    Attività didattica, anche sotto forma laboratoriale/seminariale, finalizzata al contrasto dell’analfabetismo iconico, al potenziamento delle competenze, alla formazione di un pubblico consapevole e all’erogazione di elementi di conoscenza teorico/pratica di una o più fasi in cui si articola la realizzazione di un prodotto cinematografico.
    Soggetti richiedenti: istituzioni scolastiche ed educative statali e paritarie secondarie di I e di II gradoDotazione finanziaria: 5,5 milioni di euro
    Contributo massimo per singolo progetto: 80mila
  1. “CinemaScuola LAB – infanzia e primarie”
    Attività didattica, anche sotto forma laboratoriale/seminariale, avente le stesse finalità dell’azione 1, che sia diretto e abbia particolare riguardo della fascia d’età dei destinatari.
    Soggetti richiedenti: istituzioni scolastiche ed educative statali e paritarie di infanzia e primarie
    Dotazione finanziaria: 5 milioni di euro
    Contributo massimo per singolo progetto: 80mila
  1. “Visioni Fuori-Luogo” linea destinata alle istituzioni scolastiche secondarie di I e II grado
    Progetti proposti esclusivamente da scuole situate in aree a rischio e/o aree periferiche e/o nelle zone più disagiate del Paese e/o scuole interessate dal fenomeno della dispersione scolastica che attraverso il percorso ed il processo produttivo di realizzazione di un’opera audiovisiva (cortometraggio, mediometraggio, lungometraggio, serie tv, web serie e videogioco) contribuiscano a far comprendere il presente, con particolare riferimento al territorio in cui ha sede il plesso scolastico.  I progetti dovranno prevedere il coinvolgimento attivo degli studenti nelle varie fasi di realizzazione di almeno un’opera audiovisiva e dovranno avere come protagonista il territorio e il contesto culturale, paesaggistico, sociale di riferimento.
    Soggetti richiedenti: istituzioni scolastiche ed educative statali e paritarie secondarie di I e II grado situate esclusivamente in aree a rischio, aree periferiche e nelle zone più disagiate del Paese ed interessate dal fenomeno della dispersione scolastica
    Dotazione finanziaria: 4 milioni di euro
    Contributo massimo per singolo progetto: 80mila per cortometraggi e mediometraggi e 150mila per lungometraggi, prodotti seriali e videogiochi

Sono ammissibili le seguenti voci di costo: indicate nell’allegato 1 del presente bando, nei limiti ivi indicati e che siano:

  • a) pertinenti e strettamente correlate all’iniziativa;
  • b) supportate da documentazione conforme alla normativa civilistica, amministrativa e tributaria e correttamente riportate nelle scritture contabili e nel bilancio;
  • c) comprovate da documentazione fiscale (fatture, ricevute fiscali, ecc.) intestata al soggetto capofila che, nel caso di importi superiori a 500,00 euro, deve riportare nel campo note la seguente dicitura “PNCIS 2023_azione A”;
  • d) effettivamente sostenute dal soggetto capofila a partire dalla data di pubblicazione della graduatoria ed entro il 16 giugno 2025, con modalità conformi alla normativa di riferimento in materia di tracciabilità dei flussi finanziari, di cui alla legge 13 agosto 2010, n. 136, come modificata dalla legge 17 dicembre 2010, n. 217. A tal fine, saranno considerate non ammesse alla rendicontazione le spese sostenute per la realizzazione di attività successive al predetto termine perentorio (16 giugno 2025).

Maggiori informazioni