Erasmus Plus – Mobilità per l’apprendimento – Azione chiave 1

La FIDAE con questa iniziativa promuove la partecipazione delle scuole associate all’azione chiave 1 del programma Erasmus Plus, che prevede il finanziamento della mobilità del personale docente e non, nella prospettiva di favorire l’innovazione didattica e metodologica sulla base di esperienze di formazione e periodi di osservazione didattica in un altro paese europeo.

L’azione chiave 1 finanzia la mobilità del personale docente e non docente per partecipare a corsi strutturati o eventi di formazione e a periodo di osservazione presso una scuola partner o in un altro ente competente in materia di istruzione scolastica (il c.d. job shadowing).

La durata della mobilità potrà essere di 5/7 giorni.

Le scuole possono proporre per la mobilità un numero di persone, tra docenti e non docenti, che può oscillare da 1 a max 5 unità.

Considerato che molte adesioni sono state registrate durante il ciclo di seminari “Fidae-CDO “Governance della scuola e Erasmus Plus” e tenuto conto che il numero di scuole che possono essere inserite nel progetto è limitato, si invita a iscriversi il prima possibile. In ogni caso, la Fidae darà riscontro del buon esito della registrazione. 

Per partecipare all’iniziativa ed essere inserita nel progetto da presentare al finanziamento dell’Unione Europea, la scuola deve compilare il seguente form:

Clicca qui

Che cosa è Erasmus Plus?

Erasmus Plus è il programma dell’Unione europea per l’Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport 2014-2020

Il programma, approvato con il Regolamento UE N 1288/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, combina e integra tutti i meccanismi di finanziamento attuati dall’Unione Europea fino al 2013:

  • il Programma di apprendimento permanente (Comenius, Erasmus, Leonardo da Vinci, Grundtvig)
  • Gioventù in azione
  • i cinque programmi di cooperazione internazionale (Erasmus Mundus, Tempus, Alfa, Edulink e il programma di cooperazione bilaterale con i paesi industrializzati). Comprende inoltre le Attività Jean Monnet e include per la prima volta un sostegno allo Sport.

Il programma integrato permette di ottenere una visione d’insieme delle opportunità di sovvenzione disponibili, mira a facilitare l’accesso e promuove sinergie tra i diversi settori rimuovendo le barriere tra le varie tipologie di progetti; vuole inoltre attrarre nuovi attori dal mondo del lavoro e dalla società civile e stimolare nuove forme di cooperazione.