VOGLIAMOFARESCUOLA – Rassegna

#VogliamoFareScuola. Fidae lancia una nuova campagna per la scuola


5 maggio 2020 – AGI

‘Vogliamo fare scuola’ è lo slogan scelto dalla Fidae, una federazione di Scuole cattoliche primarie e secondarie, per lanciare un percorso di collaborazione tra scuole, enti locali e istituzioni in vista della riapertura delle scuole.
“Sono state settimane laboriose – spiega Paola Murru, consigliera nazionale Fidae – in cui accanto alla didattica a distanza le scuole paritarie hanno cominciato a pensare non solo a come tornare a scuola in sicurezza ma come rimotivare al valore più profondo della scuola studenti, insegnanti e famiglie. ‘Vogliamo fare scuola’ – prosegue – significa raccogliere il desiderio degli studenti di tutta Italia che in questi due mesi, con spirito di sacrificio e dedizione, hanno proseguito il corso di studi attraverso la didattica a distanza, scoprendo tante modalità nuove di fare lezione.
‘Vogliamo fare scuola’ è anche la volontà di tutti gli insegnanti che si sono adattati alle nuove modalità di lezione, che hanno cercato di superare barriere e ostacoli per tenere fede alla loro missione e continuare a trasmettere il sapere alle nuove generazioni.’Vogliamo fare scuola’ – osserva ancora Murru – vuol dire provare a mettere insieme il Manifesto della scuola che sogniamo, per andare alla radice delle nostre esperienze educative ma anche aprendoci a prospettive nuove (l’ambiente, la cultura digitale, l’intelligenza connettiva, l’empatia)”.
La Fidae è partita con l’aiuto di esperti e di gruppi di lavoro per “riorganizzare al meglio le nostre scuole e per dire ai ragazzi che li stiamo aspettando e alle loro famiglie che ci prenderemo cura dei loro figli, con responsabilità e sicurezza”.
Il primo appuntamento è per venerdì 8 maggio alle ore 17.30 con la conferenza stampa online in cui verrà spiegato il progetto da Virginia Kaladich, presidente nazionale FIDAE, con Ernesto Diaco, direttore UNESU CEI, e Paola Murru, Consigliera nazionale FIDAE. Ospiti della serata saranno Alessandra Smerilli (Università Auxilium), Francesco Vaia (Direttore Sanitario Spallanzani), Elena Granata (Politecnico di Milano) e Sergio Massironi (Rettore Collegio Villoresi San Giuseppe Manza e Brianza).